PROFILO STORICO DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI FARMACOGNOSIA


La Società Italiana di Farmacognosia (SIPHAR) nasce nell’anno 1980 per iniziativa di alcuni studiosi e docenti della disciplina e di discipline affini G. Cascio, G. Dall’Olio, A. De Pasquale, P. Dorigo, G. Fassina, A. Imbesi, P. Manca, G. Mantia, L. Molinengo Costa, R. Paoletti, D. Piccinelli, L. Puglisi, L. Sorrentino, I. Taddei, R. Vertua), promotore principalmente il Prof. Antonio Imbesi, che in Italia ebbe a ricoprire la prima cattedra di Farmacognosia, nell’Università di Messina nel 1960.

L’esigenza che si promuovessero iniziative comuni sulla disciplina da parte dei cultori della materia e che si provvedesse in seguito a costituire una Società scientifica apposita, sull’esempio di numerose Società europee, era sentita da tempo. E’ nel 1959 infatti che sotto l’egida di eminenti maestri o capo-scuola di Farmacologia e di Farmacologia e Farmacognosia quali i Proff. Pietro Di Mattei, Franco Dordoni, Aldo Cestari, Girolamo Orestano, Alberto Cannavà, Vittorio Erspamer, Renato Santi ed altri ancora, che viene attuato a Messina un “1° Raduno di Farmacognosia”. È solo 20 anni dopo che viene realizzato ciò che era stato allora preconizzato.

Va sottolineato, per inciso, come la fondazione di questa Società, abbia precorso i tempi nel riconoscere il ruolo che avrebbe poi occupato la Farmacognosia nell’ambito dei corsi di Laurea della Facoltà di Farmacia, soprattutto sotto la spinta delle normative dei Paesi comunitari.

Il fine che la Società si prefigge è di promuovere lo sviluppo e il coordinamento delle ricerche nel campo della Farmacognosia, di potenziare l’insegnamento di questa disciplina e di contribuire allo scambio di informazioni e ai contatti, nazionali e internazionali, concernenti lo studio delle droghe di origine vegetale ed animale.

La presidenza del Consiglio Direttivo della Società è stata affidata, dall’anno di fondazione fino al 1987, al Prof. Antonio Imbesi. Si sono poi susseguiti la Prof.ssa Anna De Pasquale (1987-1990), il Prof. Alessandro Bruni (1990-1993), il Prof. Dario Piccinelli (1993-1999), la Prof.ssa Rita De Pasquale (1999-2007) e la Prof.ssa Gabriela Mazzanti che è tuttora presidente. La Società tiene con frequenza biennale Congressi scientifici nazionali, talvolta affiancati da Joint Meeting con Società straniere. Viene di seguito riportata una rapida rassegna dei Congressi SIPHAR con le sedi e i temi principali.

I° Congresso: Messina - Reggio Calabria (12, 13 Ottobre 1981). Tema centrale sono le piante medicinali ed aromatiche, con particolare riguardo a quelle delle regioni Calabria e Sicilia.

II° Congresso: Milano (15-17 Dicembre 1983). Tra i vari argomenti affrontati particolarmente interessante è stato quello che riguarda i rapporti tra Farmacognosia e Nutrizione e tra Farmacognosia e Cosmetica.

III° Congresso: Sassari (24-26 Ottobre 1985). Il convegno vede come ospiti il Prof. Daniel Bovet ed il Prof. Vittorio Erspamer che tengono relazioni rispettivamente sui curari e sulle sostanze attive della pelle di anfibi.

IV° Congresso: Trieste (7-9 Ottobre 1987). Gli argomenti salienti sono i “Farmaci del mare” (Prof. Antonio Imbesi) e le droghe immunomodulanti (Prof. H. Wagner).

V° Congresso: Ferrara (16-18 Ottobre 1989). Vanno segnalate le letture plenarie del Prof. Alessandro Bruni su “Le sostanze di difesa dei vegetali quali nuovi principi attivi” e del Prof. E. J. Shellard su “Medicines from Plants: Past, Present and Future”.

VI° Congresso: Roma (9-12 Ottobre 1991). Il tema centrale è stato “Le piante e le droghe medicinali nella CEE. Aspetti scientifici e normativi”. Oltre ai numerosi relatori italiani (Proff. Antonio Imbesi, Giuliana Fassina, Anna De Pasquale, Giovan Battista Marini Bettolo e Vittorio Erspamer) ha portato un interessante contributo il Prof. P. Delaveau dell’Università di Parigi.

VII° Congresso: Bologna (30 Giugno – 2 Luglio 1994). Ha avuto come tema centrale “Glycyrrhiza glabra e i suoi principi attivi” ed ha visto, tra l’altro, la partecipazione dei Proff. R. Verpoorte (Leiden, Olanda) e R. Paoletti.

VIII° Congresso: Napoli (9-12 Giugno 1996). Si è svolto in connessione con il 1st Joint Meeting of Belgian, Dutch, Spanish and Italian Research Groups of Pharmacognosy (12-14 Giugno 1996). Nelle tavole rotonde sono stati affrontati gli aspetti legislativi e gli aspetti inerenti la coltivazione delle piante officinali.

IX° Congresso: Modena (21-24 Ottobre 1998). Tra gli ospiti stranieri il Prof. P.J. Shorn (Strasburgo) ha relazionato sull’armonizzazione internazionale delle monografie sulle piante medicinali.

X° Congresso: Cagliari, Santa Margherita di Pula (2-6 Ottobre 2002). Il congresso è stato accompagnato da simposi che hanno affrontato argomenti diversi tra cui i cannabinoidi e sostanze di origine vegetale come nutraceutici.

Tra il IX e il X Congresso si sono svolte due “Giornate di Studio” rispettivamente ad Assisi (19 Settembre 2000) e a Taormina (26 Ottobre 2001).

A partire dal 2004 il Congresso della Società si è svolto nell’ambito del FITOMED, Congresso Intersocietà sulle Piante Medicinali, in collaborazione con la Società Italiana di Fitochimica, La Società Italiana di Scienze Erboristiche e il Gruppo Piante Officinali della Società Botanica Italiana.

 

 

Nel sito possono essere contenute informazioni mediche e scientifiche riconducibili, in alcuni casi, a indicazioni su medicinali o su terapie. Tali informazioni non intendono fornire in nessun caso consigli di natura sanitaria. L'utente non medico o non operante nel settore medico-scientifico è invitato a rivolgersi esclusivamente al medico di fiducia per ogni necessità di diagnosi e terapia.